colletto - manifattura svizzera o tedesca (sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900748004 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

colletto - manifattura svizzera o tedesca (sec. XIX) 
colletto - manifattura svizzera o tedesca (sec. XIX) 
colletto 
Lavoro ad ago eseguito a punto pieno, su imbottitutre di fili, nodi francesi su tela, punto occhiello, trafori a rete semplice, punto filza, punto passato; il colletto a girocollo ha forma rotonda ed è chiuso sul davanti tramite un'asola per un piccolo bottone di madreperla. E' completamente eseguito in ricamo con i motivi decorativi tenuti insieme da barrette ad ago, che creano un fondo irregolare ma molto traforato, in contrasto con la grande consistenza del ricamo. Il disegno parte da una grande corolla disposta al centro sul retro: da essa nascono due foglie che si allungano in opposta direzione. Intorno a questo motivo centrale sono disposte corolle di fiori, rose, margherite, insieme a trifogli, ripetuti in modo speculare nelle parti da appoggiare sul davanti. L'orlo è caratterizzato da una forte festonatura e al centro di ogni ansa rotondeggiante, sull'esterno è ricamato il motivo semicircolare di una margherita, i cui sette petali creano un'ulteriore festonatura 
ca 1850-ca 1860 
0900748004 
colletto 
00748004 
09 
0900748004 
Il collo testimonia la moda degli anni '50-'60 del secolo, quando gli abiti femminili accollati e di colori non sgargianti volevano indicare sobrietà. Il bel colletto ricamato acquistava grande significato nel rifinire la veste e doveva risaltare molto. La qualità era varia e spesso si usano merletti, anche meccanici, che garantiscono un bell'effetto finale. In questo caso il ricamo indica una buona qualità e una provenienza non italiana, probabilmente svizzera o tedesca, dove erano numerosi i centri di lavorazione su bianco. La modificazione delle acconciature femminili, che si afferma agli inizi degli anni 70, più raccolte e con il volume dei capelli spostato verso l'alto, permetterà la diffusione di colli arricciati per i quali il merletto è sempre più necessario. La competizione meccanica si fa sempre più forte e la maggior parte dei ricami a mano sarà concentrata solo sulla biancheria personale ed infantile, esclusivamente dedicata ai manufatti di maggior pregio 
n.p 
Lavoro ad ago eseguito a punto pieno, su imbottitutre di fili, nodi francesi su tela, punto occhiello, trafori a rete semplice, punto filza, punto passato; il colletto a girocollo ha forma rotonda ed è chiuso sul davanti tramite un'asola per un piccolo bottone di madreperla. E' completamente eseguito in ricamo con i motivi decorativi tenuti insieme da barrette ad ago, che creano un fondo irregolare ma molto traforato, in contrasto con la grande consistenza del ricamo. Il disegno parte da una grande corolla disposta al centro sul retro: da essa nascono due foglie che si allungano in opposta direzione. Intorno a questo motivo centrale sono disposte corolle di fiori, rose, margherite, insieme a trifogli, ripetuti in modo speculare nelle parti da appoggiare sul davanti. L'orlo è caratterizzato da una forte festonatura e al centro di ogni ansa rotondeggiante, sull'esterno è ricamato il motivo semicircolare di una margherita, i cui sette petali creano un'ulteriore festonatura 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
colletto 
filo di cotone/ merletto ad ago 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here