alberello - manifattura di Montelupo (prima metà XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0901142855 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

alberello
alberello - manifattura di Montelupo (prima metà XVI) 
alberello - manifattura di Montelupo (prima metà XVI) 
alberello 
Albarelli della prima metà del XVI secolo di manifattura montelupina caratterizzati da forma cilindrica, rastremata nella zona mediana, con tendenza a espansione verso l’alto. La spalla conduce a un collo alto estroflesso, adatto a trattenere la legatura del coperchio. La base carenata si conclude nel piede a disco 
ca 1500-ca 1550 
0901142855 
alberello 
01142855 
09 
0901142855 
Il decoro definito "blu graffito" (Berti 1986, p.139) pare essere coltivato da poche botteghe; proprio per il limitato numero di esecutori, che si suppone abbia praticato questo modello di decorazione, gli esempi disponibili presentano un’accentuata uniformità. I due albarelli, nello specifico, costituiscono un’ulteriore testimonianza essendo sicuramente derivanti dalla medesima manifattura, di non chiara attribuzione, il cui simbolo è da riconoscersi nel grande vaso raffigurato in forma di pisside coperta, di colore giallo che si staglia su un decoro campito in “blu graffito”. Tratto saliente di questo tipo di “fornimento”, oltre all’emblema, sono i cartigli sempre epigrafici: tale peculiarità, abbinata alla varietà morfologica delle forme caratterizzanti la produzione in oggetto, indica una spezieria o un’officina farmaceutica ben organizzata (Berti 2010, p.179). Sono simili a questi vasi gli esemplari del Victoria and Albert Museum (Rackham 1940, p.123, n.356) e della collezioni Fanfani al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza (Ravanelli Guidotti 1990, pp.70-71, n.35), della collezione Drey (Drey 1978, p.34, n.6A) e del Museo del Vino di Torgiano (Fiocco, Gherardi 1991, p.135, n.192) 
I due albarelli si trovano in esposizione al Museo Nazionale del Bargello a seguito della donazione effettuata nel 1997 da parte dei signori Roberto e Corrado Pillitteri in memoria dello zio Bruno, che aveva acquistato i manufatti dalle case d'asta Sotheby's e Christie's 
41A773(49G83) 
Albarelli della prima metà del XVI secolo di manifattura montelupina caratterizzati da forma cilindrica, rastremata nella zona mediana, con tendenza a espansione verso l’alto. La spalla conduce a un collo alto estroflesso, adatto a trattenere la legatura del coperchio. La base carenata si conclude nel piede a disco 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
alberello 
ceramica/ smaltatura 
bibliografia di confronto: Berti F - 1986 
bibliografia specifica: Spallanzani M., Alinari A - 1997 
bibliografia di confronto: Rackham B - 1940 
bibliografia di confronto: Ravanelli Guidotti C - 1990 
bibliografia di confronto: Berti F - 2010 
bibliografia di confronto: Drey, R. E. A - 1978 
bibliografia di confronto: Fiocco C., Gherardi G - 1991 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here