Il risanamento della figlia del re Egippo; il battesimo di Egippo; la consacrazione a monaca della figlia; la morte di Matteo; l'incendio del palazzo reale, Storie di San Matteo (predella) by Pietro di Miniato (primo quarto XV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0901390674-4 an entity of type: CulturalPropertyComponent

predella, inferiore Storie di San Matteo
Il risanamento della figlia del re Egippo; il battesimo di Egippo; la consacrazione a monaca della figlia; la morte di Matteo; l'incendio del palazzo reale, Storie di San Matteo (predella) by Pietro di Miniato (primo quarto XV) 
Il risanamento della figlia del re Egippo; il battesimo di Egippo; la consacrazione a monaca della figlia; la morte di Matteo; l'incendio del palazzo reale, Storie di San Matteo (predella) di Pietro di Miniato (primo quarto XV) 
ca 1411-ca 1414 
Predella inferiore 
Il risanamento della figlia del re Egippo; il battesimo di Egippo; la consacrazione a monaca della figlia; la morte di Matteo; l'incendio del palazzo reale, Storie di San Matteo (predella) 
1308 
01390674 
09 
0901390674 
Il polittico, prima opera documentata di Pietro di Miniato, fu realizzato per il monastero di San Matteo per volontà testamentaria di Francesco di Marco Datini. Gli esecutori testamentari del mercante si occuparono del pagamento all'artista intorno al 1413 (Marchini). Gli scomparti superiori, assai danneggiati - sono perduti i due di destra che dovevano rappresentare i santi Giovanni Evangelista e Pietro, come si deduce dalle rispettive storie sottostanti - richiamano Niccolò Gerini e la scuola orcagnesca con più aggiornati spunti tardogotici nell’allungamento delle figure e nei panneggi delle vesti.Nella prima predella le piccole scene, di efficace accentuazione drammatica, sono attentamente costruite, e ricche di dettagli, come i costumi all’orientale o i dromedari nell’Adorazione dei Magi. La seconda predella si ispira alle storie di san Matteo affrescate nel primo Quattrocento da Niccolò Gerini a Prato, nella Cappella Migliorati della chiesa di San Francesco; questa serie di episodi è dedicata a San Matteo proprio perché la destinazione dell'opera era l'omonimo Monastero.Da segnalare che il polittico, giunto nelle collezioni comunali già privo dei due santi alla destra del pannello centrale, nella prima guida della Galleria (1858) era esposto senza la seconda predella, mentre nel 1888 era stato ricomposto. Prima del 1912 fu realizzato un intervento di restauro e ricostruzione non solo delle cornici, ma anche dei due santi andati perduti (Papini), integrazioni che in tempi più recenti sono state rimosse. Fino alla metà del secolo scorso risultavano leggibili le iscrizioni sottostanti San Mattia, San Matteo e l'Incoronazione della Vergine 
73F28 
Storie di San Matteo 
Il risanamento della figlia del re Egippo; il battesimo di Egippo; la consacrazione a monaca della figlia; la morte di Matteo; l'incendio del palazzo reale 
Predella inferiore 
inferiore 
Storie di San Matteo, Il risanamento della figlia del re Egippo; il battesimo di Egippo; la consacrazione a monaca della figlia; la morte di Matteo; l'incendio del palazzo reale 
Prato (PO) 
0901390674-4 
predella 
proprietà Ente pubblico territoriale 
tavola/ pittura a tempera, doratura 
bibliografia specifica: Marchini G - 1958 
bibliografia specifica: Papini R - 1912 
bibliografia specifica: Guasti G - 1888 
bibliografia specifica: Carocci G - 1900 
bibliografia specifica: Datini G - 1972 
bibliografia specifica: Guasti G - 1858 
bibliografia specifica: Mannini M. P - 2004 
bibliografia specifica: Protesti A - 1990 
bibliografia specifica: Romagnoli M - 2015 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here