Divinità fluviali tra grottesche (decorazione pittorica, insieme) by Gherardi Cristoforo detto Doceno (sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/1000076167 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

decorazione pittorica, insieme Divinità fluviali tra grottesche
Divinità fluviali tra grottesche (decorazione pittorica, insieme) by Gherardi Cristoforo detto Doceno (sec. XVI) 
Divinità fluviali tra grottesche (decorazione pittorica, insieme) di Gherardi Cristoforo detto Doceno (sec. XVI) 
decorazione pittorica (insieme) 
DESO (2011): Si tratta di decorazioni ad affresco a soggetto mitologico e grottesche. DESO (2015): Le pitture ricoprono la volta a padiglione della camera. Lo spazio è ripartito in quattro aree trapezoidali tramite fasce a grottesche su fondo rosso; la decorazione di ciascuna area prevede la raffigurazione di una divinità fluviale tra grottesche su fondo bianco. Al colmo della volta una raffigurazione rettangolare lacunosa, di cui rimangono solo i piedi di una figura 
1543-1543 
1000076167 
decorazione pittorica 
00076167 
10 
1000076167 
NSC (2015): La Camera dei Fiumi, collocata sopra l'antico ponte levatoio del castello, fu affrescata da Cristofano Gherardi nel corso della sua lunga permanenza a Castello Bufalini, secondo Rossi G. (2012) precisamente nel 1543, per volontà dell'abate Ventura. Osserva Rossi G. (2012) che lo stato di frammentarietà dei dipinti dipende dai danni inferti dai numerosi terremoti e dalle infiltrazioni di acque meteoriche dai tetti. Le raffigurazioni degli dei fluviali, scrive Borsi S. (2007), seguono schemi desunti dalla statuaria classica, con l'aggiunta dello sfondo a grottesche, che si pone come un vero formulario manierista 
Divinità fluviali tra grottesche 
25 H 21 30 
DESO (2011): Si tratta di decorazioni ad affresco a soggetto mitologico e grottesche. DESO (2015): Le pitture ricoprono la volta a padiglione della camera. Lo spazio è ripartito in quattro aree trapezoidali tramite fasce a grottesche su fondo rosso; la decorazione di ciascuna area prevede la raffigurazione di una divinità fluviale tra grottesche su fondo bianco. Al colmo della volta una raffigurazione rettangolare lacunosa, di cui rimangono solo i piedi di una figura 
San Giustino (PG) 
proprietà Stato 
Divinità fluviali tra grottesche 
intonaco/ pittura a fresco 
bibliografia specifica: Borsi S - 2007 
bibliografia specifica: Rossi G - 2012 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here