mostra d'altare, complesso decorativo by Castello Matteo (sec. XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/1200175165 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

mostra d'altare, complesso decorativo
mostra d'altare, complesso decorativo by Castello Matteo (sec. XVII) 
mostra d'altare, complesso decorativo di Castello Matteo (sec. XVII) 
mostra d'altare (complesso decorativo) 
al centro, in una cornice di marmi policromi, affresco con la Madonna con Bambino, ai lati due colonne in marmo nero con basi e capitelli corinzi in marmo bianco. Al di sopra architrave decorata da una piattabanda verde con tre stelle gialle a otto punte. Superiormente timpano classico a dentelli con al centro una testa di cherubino 
1612-1614 
1200175165 
mostra d'altare 
00175165 
12 
1200175165 
L'altare è databile ad un periodo compreso fra il 1612 e il 1614, anni in cui l'architetto Matteo Castelli prima, e suo fratello Simone poi, riscuotono i mandati di pagamento dell'Arciconfraternita dei Fiorentini, a cui si deve la decorazione della cappella. Dell'altare si conosce anche un disegno architettonico firmato dal Castelli allegato al contratto (A.S.R., 30 Notai Capitolini, Not. Bart. Dinius, Busta 24, f. 441r) già pubblicato da Lavin, Salerno e Vicioso. Quest'ultima evidenzia come il disegno riprenda in più punti l'altare della Madonna nella Basilica Vaticana 
48A981/ 11G1911 
al centro, in una cornice di marmi policromi, affresco con la Madonna con Bambino, ai lati due colonne in marmo nero con basi e capitelli corinzi in marmo bianco. Al di sopra architrave decorata da una piattabanda verde con tre stelle gialle a otto punte. Superiormente timpano classico a dentelli con al centro una testa di cherubino 
Roma (RM) 
proprietà Ente religioso cattolico 
mostra d'altare 
marmo/ scultura 
bibliografia specifica: Salerno L - 1973 
bibliografia specifica: Lavin I - 1968 
bibliografia specifica: Vicioso J - 1999 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here