pulpito by Thebaldi Lorenzo, Jacopino di Lorenzo (sec. XII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/1200248947 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

pulpito di Thebaldi Lorenzo, Jacopino di Lorenzo (sec. XII) 
pulpito by Thebaldi Lorenzo, Jacopino di Lorenzo (sec. XII) 
pulpito 
Zoccolo formato da lastre di marmo bianco. La base è ricoperta sul lato da due lastre rettangolari di serpentino, incorniciate da mosaico e da una modanatura in marmo bianco, mentre sulla fronte reca una lastra bordata da modanature, decorata nel registro superiore da un disco di serpentino, circondato da una corona circolare con mosaico, e nel registro inferiore da sei archetti di marmo, campiti con mosaico. L'ingresso della rampa è fiancheggiato da due colonnine tortili decorate a mosaico e sul lato esterno il parapetto ha il mancorrente scolpito con motivo vegetale e la faccia ornata da tre dischi di porfido e serpentino, inquadrati da fasce di marmo bianco e di mosaico, che si intersecano. Il poggiolo a pianta poligonale ha la base decorata da fasce a mosaico, a dentelli, a fogliame e da due mensole, che sostengono due colonnine tortili incrostate di mosaico e con capitello corinzio. (segue in ANNOTAZIONI) 
ca 1160-ante 1180 
1200248947 
pulpito 
00248947 
12 
1200248947 
L'opera è un tardo assemblaggio di parti, provenienti per lo più da un ambone che riuniva in un unico arredo i due pulpiti oggi collocati nel transetto e che risale alla ricostruzione romanica della primitiva chiesa benedettina. Sul pulpito oggi nel transetto destro è incisa la firma di Lorenzo e di suo figlio Jacopo. L'ambone ha avuto svariate datazioni, oscillanti in massima parte tra gli ultimi decenni del XII e l'inizio del XIII ed è stato di recente anticipato al tardo XII, nell'ambito di uno studio che ha messo a punto anche la genealogia di molte famiglie di marmorari, compresa quella dei Thebaldi (Claussen, 1987). Problematica e priva di appigli documentari è la collocazione dello smembramento dell'arredo, che i più ritengono sia avvenuto intorno al 1565, quando venne ricostruito il coro e l'altare maggiore, oppure sotto Gregorio XIII (1572-1585), quando venne rialzata la quota di calpestio del transetto. Durante la prima fase della ricostruzione francescana della chiesa (1249-1270), che trasformò l'antica navata centrale nel transetto, l'ambone venne comunque spostato e, secondo un'ipotesi recente, ma isolata, già diviso in due tronconi (Brancia di Apricena, 2000, con bibliografia precedente). Al primitivo pulpito di Lorenzo e Jacopo appartiene con certezza solo la cassa e il parapetto laterale della rampa; sul basamento le lastre laterali sono medievali, ma la lastra frontale con disco di porfido e archetti è un manufatto di epoca moderna, anche se contiene brani a mosaico che sembrano romanici; si tratta forse della ripresa di un originale oggi nei Musei Capitolini, decorato con scene della vita di Achille (Claussen, 1987). Il frammento di lapide riutilizzata come parapetto destro del poggiolo ha caratteri epigrafici che sembrano quattrocenteschi 
Zoccolo formato da lastre di marmo bianco. La base è ricoperta sul lato da due lastre rettangolari di serpentino, incorniciate da mosaico e da una modanatura in marmo bianco, mentre sulla fronte reca una lastra bordata da modanature, decorata nel registro superiore da un disco di serpentino, circondato da una corona circolare con mosaico, e nel registro inferiore da sei archetti di marmo, campiti con mosaico. L'ingresso della rampa è fiancheggiato da due colonnine tortili decorate a mosaico e sul lato esterno il parapetto ha il mancorrente scolpito con motivo vegetale e la faccia ornata da tre dischi di porfido e serpentino, inquadrati da fasce di marmo bianco e di mosaico, che si intersecano. Il poggiolo a pianta poligonale ha la base decorata da fasce a mosaico, a dentelli, a fogliame e da due mensole, che sostengono due colonnine tortili incrostate di mosaico e con capitello corinzio. (segue in ANNOTAZIONI) 
Roma (RM) 
proprietà Stato 
pulpito 
marmo bianco 
porfido 
marmo/ mosaico 
marmo serpentino 
pasta vitrea/ mosaico 
bibliografia specifica: Claussen P. C - 1987 
bibliografia specifica: Brancia di Apricena M - 2000 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here