Ninfa della serenità del giorno (dipinto murale, elemento d'insieme) by Cesari Giuseppe detto Cavalier d'Arpino (e aiuti), Bazzichelli Marcantonio (attribuito) (sec. XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/1201220257-12 an entity of type: CulturalPropertyComponent

dipinto murale, elemento d'insieme Ninfa della serenità del giorno
Ninfa della serenità del giorno (dipinto murale, elemento d'insieme) by Cesari Giuseppe detto Cavalier d'Arpino (e aiuti), Bazzichelli Marcantonio (attribuito) (sec. XVII) 
Ninfa della serenità del giorno (dipinto murale, elemento d'insieme) di Cesari Giuseppe detto Cavalier d'Arpino (e aiuti), Bazzichelli Marcantonio (attribuito) (sec. XVII) 
dipinto murale (elemento d'insieme) 
ovale in cornice in stucco dorato con figura femminile 
1613-1614 
1201220257-12 
dipinto murale 
01220257 
12 
1201220257 
L'insieme del soffitto del Salone di Conversazione è il primo intervento di decorazione della palazzina fatta costruire da Alessandro Damasceni, allorchè con il nome di Alessandro Montalto venne creato Cardinale dallo zio Sisto V ed entrò in possesso (1590) di Villa Lante. Terminati nel 1612 i lavori di costruzione della palazzina gemella a quella già eretta dal Cardinale Gambara, Alessandro Montalto commissionò al Cavalier d'Arpino le pitture delle pareti, che furono largamente delegate agli aiuti, tra i quali Agostino Tassi assunse il ruolo principale. La decorazione del soffitto del salone venne progettata e diretta dal pittore di Arpino, sebbene verosimilmente realizzata dagli aiuti, tra i quali sono stati riconosciuti e proposti i contributi di Marzio Ganassini (Salerno 1969, Cavazzini 1993) e Pasquale Regnicolo (Cavazzini 1993). Il tema è quello della divinità femminile svolto nei riquadri centrali con la raffigurazione delle dee sui carri e negli ovali con quella delle ninfe. Lo schema decorativo e la tradizionale alternanza di quadri riportati e figure in stucco, a modulo seriale, si caratterizzano come idee attardate, adatte più a un fregio che a un soffitto o una volta, particolarmente se confrontate con la soluzione moderna e protobarocca del fregio sottostante di Agostino Tassi. Secondo Giovan Battista Passeri, nelle sue "Vite de' pittori scultori et architetti sino all'anno 1673", il Cesari partecipò anche alla realizzazione del fregio, eseguendovi un leone e alcune figure, sebbene la concezione assolutamente diversa dei due cicli suggerisca nel fregio un capovolgimento dei ruoli tra il pittore affermato e quello emergente 
Ninfa della serenità del giorno 
23 R 20 
ovale in cornice in stucco dorato con figura femminile 
Viterbo (VT) 
proprietà Stato 
Ninfa della serenità del giorno 
intonaco/ pittura a fresco 
stucco/ doratura 
bibliografia specifica: Salerno L - 1969 
bibliografia specifica: Cavazzini P - 1993 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here