progetto di un edificio ad uso ospizio - Concorso Vittadini (MI) (disegno architettonico, elemento d'insieme) by Barone Giuseppe (sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/1400072873 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

disegno architettonico, elemento d'insieme progetto di un edificio ad uso ospizio - Concorso Vittadini (MI)
progetto di un edificio ad uso ospizio - Concorso Vittadini (MI) (disegno architettonico, elemento d'insieme) by Barone Giuseppe (sec. XIX) 
progetto di un edificio ad uso ospizio - Concorso Vittadini (MI) (disegno architettonico, elemento d'insieme) di Barone Giuseppe (sec. XIX) 
disegno architettonico (elemento d'insieme) 
Disegno a matita, ripassato ad inchiostro di china e colorato su cartoncino di grammatura media, rappresentante la pianta del primo livello di un edificio ad uso ospizio, di forma rettangolare a tre corti, le laterali con sistemazione a giardini. Schema planimetrico caratterizzato da un "enfilade" di ambienti di forma generalmente rettangolare, illuminati ed areati da una serie continua di finestre che caratterizzano il prospetto; l'edificio presenta due scaloni principali sui lati brevi ed altre scale negli ambienti adiacenti la corte interna. In basso a destra vi è la firma dell'autore. Il disegno si presenta privo di scala di rappresentazione 
1862-1862 
1400072873 
disegno architettonico 
00072873 
14 
1400072873 
All'interno del contesto storico e culturale dell'eclettismo storicistico si colloca l'attività progettuale dell'architetto Giuseppe Barone, esercitata per decenni anche nell'imponente istituzione delle "Scuole della Società Centrale Operaia Napoletana" attraverso l'insegnamento del Disegno Applicato alle Arti Industriali. La produzione progettuale di Barone spazia tra le più diverse soluzioni stilistiche e tipologiche legate all'edilizia, per poi confluire e confrontarsi in un notevole sviluppo grafico di oggetti d'arredo. Nel 1862 l'architetto molisano partecipò al concorso internazionale Vittadini, indetto dalla Accademia di Milano, con il progetto di un ospizio da realizzare a Milano; il concorso, però, non venne mai portato a termine per sopraggiunte difficoltà di procedura, dovute al malcostume dell'epoca di mandare a monte i bandi regolarmente indetti. Per questo motivo, nel 1879 Giuseppe Barone pubblicò una vibrata lettera di protesta e di esecrazione sul giornale napoletano "Il Pungolo", per la quale ricevette unanimi consensi ed incoraggiamenti da parte di molti colleghi. Il progetto gli procurò una larga fama e gli aprì le porte all'insegnamento nel 1866. Negli anni a seguire l'architetto condivise con l'amico Placido de Sangro, Duca di Martina, la passione per il collezionismo di oggetti antichi; le loro raccolte convergeranno verso la nascita di due importanti istituzioni: il Museo "Duca di Martina" di Napoli ed il "Museo Civico" di Baranello (CB). Il disegno in questione è strettamente correlato ad altre due tavole architettoniche, rappresentanti la sezione- prospetto e la facciata anteriore dell'edificio (cfr. schede nn. 00072874; 00072875). Tutta la documentazione relativa a questo progetto (stampa con descrizione progetto, stampa giudizio della Commissione Concorso, lettera del Segretario dell'Accademia) è stata meticolosamente conservata da Barone nella cartella "Raccolta Documenti". Nell' "Album Opere di Architettura", invece, sono presenti le foto del prospetto e della sezione dell'edificio; in un Album contenente miniature dei disegni, invece, è conservato tutto il progetto completo composto da due piante, due sezioni e il fronte principale. Sul sito ufficiale dell'Accademia di Brera risulta che tutti i disegni originali del "Concorsi Vittadini " sono custoditi nell'Archivio Disegni dell'Accademia 
progetto di un edificio ad uso ospizio - Concorso Vittadini (MI) 
Disegno a matita, ripassato ad inchiostro di china e colorato su cartoncino di grammatura media, rappresentante la pianta del primo livello di un edificio ad uso ospizio, di forma rettangolare a tre corti, le laterali con sistemazione a giardini. Schema planimetrico caratterizzato da un "enfilade" di ambienti di forma generalmente rettangolare, illuminati ed areati da una serie continua di finestre che caratterizzano il prospetto; l'edificio presenta due scaloni principali sui lati brevi ed altre scale negli ambienti adiacenti la corte interna. In basso a destra vi è la firma dell'autore. Il disegno si presenta privo di scala di rappresentazione 
Baranello (CB) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
progetto di un edificio ad uso ospizio - Concorso Vittadini (MI) 
cartoncino/ matita/ inchiostro di china/ acquerellatura/ pastello 
bibliografia specifica: Barone G - 1899 
bibliografia di confronto: Bertolini B., Frattolillo R - 1998 
bibliografia specifica: Barone G - 1871 
bibliografia specifica: Bradascio A - 2003 
bibliografia specifica: Carano A - 1967 
bibliografia specifica: Niro C - 2002 
bibliografia specifica: Niro C - 2004 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here