vaso, elemento d'insieme by Violani Andrea (attribuito) (sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/1500068308 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

vaso, elemento d'insieme
vaso, elemento d'insieme di Violani Andrea (attribuito) (sec. XVIII) 
vaso, elemento d'insieme by Violani Andrea (attribuito) (sec. XVIII) 
1780-1780 
Vaso baccellato, sostenuto da due grotteschi delfini intrecciati a spirale con le zampe palmate che lo sorreggono. La bassa vasca circolare è ornata con scanalature esterne a raggiera lungo le quali corrono due serpi dalle bocche scanalate. Al centro è visibile una maschera raffigurante un vecchio satiro dall'espressione corrucciata. Il vaso poggia su un pilastretto rettangolare 
vaso (elemento d'insieme) 
00068308 
15 
1500068308 
Si tratta di una delle ventidue pile bacellate, ornanti la Fontana di Eolo e disposte lungo le balaustrate del Ponte di Sala, assieme alle statue rappresentanti gli zefiri e le coppie di schiavi che sostengono conchiglie. Complessivamente sono quarantanove i pezzi che ornano questa grande fontana, tutti disposti lungo le rampe. Esistono fra i modelli di pile alcune particolari differenze, a volte nell'espressione della maschera o nella smorfia dei delfini, tuttavia la composizione appare desunta da uno stesso disegno o fonte. Data la vastità dell'opera, dai documenti della reggia, risulta che tuttigli scultori operanti in quel momento alla decorazione del parco, intervennero: dal Violani al Persico, al Salamone,al Solari. Presso la villa Falconieri a Frascati, si trova una tazza ornata con un motivo a bacellature risalente al secolo XVI assai simile a questa, ma gli esempi potrebbero essere innumerevoli, sopratutto fra le fontane romane del cinquecento, da cui sicuramente questa tipologia proviene. Particolarmente interessante risulta essere una pila per acquasanta proveniente da Feltre e risalente a quel periodo, situata dal 1879 al museo d'arte antica di Torino. Del resto l'elemento fantastico e mostuoso, si afferma proprio nei grotteschi cinquecenteschi, inserendosi nel vasto movimento spirituale e mistico dei paese settendrionali in quel tempo. George Weise in un suo saggio, sottolinea come: "Al generale predominio dello stile auricolare e delle sue forme fantastiche e vitalizzatte, rilevabile in tutta l'Europa intorno al 1600, si affianca una concordanza non meno stretta nel campo dei fenomeni spirituali che a mio avviso si debbano considerare quali premesse del rigoglio ornamentale" 
Vaso baccellato, sostenuto da due grotteschi delfini intrecciati a spirale con le zampe palmate che lo sorreggono. La bassa vasca circolare è ornata con scanalature esterne a raggiera lungo le quali corrono due serpi dalle bocche scanalate. Al centro è visibile una maschera raffigurante un vecchio satiro dall'espressione corrucciata. Il vaso poggia su un pilastretto rettangolare 
vaso 
Caserta (CE) 
1500068308 
vaso 
proprietà Stato 
marmo/ scultura 
bibliografia specifica: Chierici G - 1937 
bibliografia specifica: Fagiolo dell'Arco M - 1963 
bibliografia specifica: Patturelli F - 1826 
bibliografia specifica: De Seta C - 1974 
bibliografia specifica: Cartari V - 1647 
bibliografia specifica: Izzo L - 1970 
bibliografia specifica: Maderna V - 1979 
bibliografia specifica: Nicolini L - 1911 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here