Cacciatore con cane e selvaggina morta, Cacciatore con cane e selvaggina morta (dipinto, opera isolata) by Nani Giacomo (seconda metà sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/1500068832 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, opera isolata Cacciatore con cane e selvaggina morta
Cacciatore con cane e selvaggina morta, Cacciatore con cane e selvaggina morta (dipinto, opera isolata) by Nani Giacomo (seconda metà sec. XVIII) 
Cacciatore con cane e selvaggina morta, Cacciatore con cane e selvaggina morta (dipinto, opera isolata) di Nani Giacomo (seconda metà sec. XVIII) 
Cacciatore con cane e selvaggina morta, Cacciatore con cane e selvaggina morta (dipinto, opera isolata) 
Racchiuso in una semplice cornice dorata, il dipinto raffigura un ragazzo con il cappello in testa rappresentato nell'atto di sollevare un cervo morto. Ai suoi piedi è accovacciato un cane che lo guarda con aria soddisfatta. Dietro al ragazzo un cesto pieno di altra selvaggina. La scena è ambientata in un fitto bosco 
1750-1799 
1500068832 
dipinto 
00068832 
15 
1500068832 
Opera raffigurante scena con cacciatore, cane e selvaggina, firmata e documentata da Giacomo Nani (Porto Ercole, 1698 - Napoli, 1755), noto allievo di Belevedere e Lopez, artista prediletto dalla committenza aristocratica napoletana e borbonica. La sua vastissima, documentata e nota produzione di nature morte e scene di genere è sparsa nei musei napoletani (Capodimonte, San Martino, Duca di Martina, Palazzo Reale di Napoli e di Caserta) ed in numerose collezioni private italiane e straniere, a Godesberg, Magonza, Einsiedeln ed al Pardo. All'interno della sua vasta attività, si ricordano anche le tele realizzate e conservate nel Real Casino di Carditello, due di esse (Venditore di erbaggi e Bovini e ovini) trasferite presso la Prefettura di Caserta nel 1984 e riconsegnate nel 2014. Sino al 2014 la stessa Prefettura conservava anche due nature morte del Nani, ugualmente riconsegnate nel 2014. Della vasta bibliografia dell'artista, vedi come confronto L. Salerno, La Natura morta italiana,Roma 1984, p. 374; N. Spinosa, Pittura napoletana del Settecento. Dal Barocco al Rococò, Napoli 1988, pag. 65, 69, 96, fig. 196 - 199; A.Tecce, Giacomo Nani, in La Natura morta in Italia, Milano 1989, vol. II, pag 960; Achille Della Ragione, La natura morta napoletana del Settecento, Napoli 2010, pp. 28-34; Sanchez Lopez A. – Giacomo Nani, pintor napolitano de naturalezza muerta, in Ricerche sul’600 napoletano, Saggi e documenti 2008, Milano 2009, pp. 121-134 
Cacciatore con cane e selvaggina morta 
Cacciatore con cane e selvaggina morta 
43 C 11 
Racchiuso in una semplice cornice dorata, il dipinto raffigura un ragazzo con il cappello in testa rappresentato nell'atto di sollevare un cervo morto. Ai suoi piedi è accovacciato un cane che lo guarda con aria soddisfatta. Dietro al ragazzo un cesto pieno di altra selvaggina. La scena è ambientata in un fitto bosco 
Caserta (CE) 
proprietà Stato 
Cacciatore con cane e selvaggina morta, Cacciatore con cane e selvaggina morta 
tela/ pittura a olio 
bibliografia di confronto: Della Ragione A - 2010 
bibliografia di confronto: Natura morta - 1989 
bibliografia di confronto: Sanchez Lopez A - 2008 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here