La persecuzione dei Greci, la persecuzione dei Greci (dipinto, opera isolata) by D'Auria Raffaele - ambito napoletano (seconda metà sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/1500088739 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, opera isolata la persecuzione dei Greci
La persecuzione dei Greci, la persecuzione dei Greci (dipinto, opera isolata) by D'Auria Raffaele - ambito napoletano (seconda metà sec. XIX) 
La persecuzione dei Greci, la persecuzione dei Greci (dipinto, opera isolata) di D'Auria Raffaele - ambito napoletano (seconda metà sec. XIX) 
La persecuzione dei Greci, la persecuzione dei Greci (dipinto, opera isolata) 
Il dipinto raffigura in primo piano una figura femminile con copricapo giallo, vestito verde e mantello rosso seduta su uno scoglio che protegge con le braccia due fanciulli, alla destra un cane; sulla sinistra una croce. Sullo sfondo un gruppo di uomini e donne, alcuni cercano di lanciare dall'alto di una rupe dei fanciulli 
1859-1859 
1500088739 
dipinto 
00088739 
15 
1500088739 
Dipinto datato e firmato da Raffaele D'Auria (1799 - 1859 ca.), proveniente dalla Reggia di Caserta e attualmente conservato presso la Prefettura della stessa città. Il D'Auria, citato nella cerchia dei neoclassici Marsigili, Girgenti, Mancinellii, si distinse per una vasta produzione comprendente numerosi disegni e ritratti, che espose alle Mostre Borboniche del 1826 e del 1855, e scene di genere ("La benedizione pasquale", 1853, Napoli, Palazzo Reale). Nella ritrattistica si distinguono le raffinate opere a pastello - il "Ritratto di Giacinto Gigante" (1828, Napoli, Museo di Capodimonte) e il "Ritratto di Gonsalvo Carelli" (Teramo, Pinacoteca Bindi). Nel Palazzo Reale di Caserta si conservano l'acquerello raffigurante "I figli di Francesco I in un interno"(1830, Palazzo Reale) e la tela in oggetto. Il particolare soggetto del dipinto casertano fornisce un'interpretazione classicistica, composta e raffinata, oltre che polticamente "corretta" e quindi non sgradita alla corte e al re, di un tema ricorrente sul finire degli anni '50 dell'Ottoecento nella pittura napoletana, quello della lotta dei popoli per la fede, spesso utilizzato in funzione patriottica. Il quadro fu forse ispirato alla fortunata trilogia di carattere religioso sul tema cristiano del martirio dipinta da Domenico Morelli tra il 1849 e il 1855 e suggerita dallo storico Pasquale Villari ("Neofita cristiano sulla tomba di un martire nelle catacombe", "Martiri condotti al supplizio" e "Corpi di martiri cristiani trasportati in cielo dagli angeli") e dal famoso "Gli Iconoclasti", acquistato da Ferdinando II ma subito trasferito nei depositi per il suo messaggio politico. Sul D'Auria cfr. R. Muzii, in Civiltà dell’Ottocento. Le arti figurative …, 1997, pp. 380-381, n. 16.36; scheda biografica ad vocem, p. 616; L. Martorelli, ad vocem D’Auria, Raffaele, in L’arte in Italia …, 1991, p. 787 
la persecuzione dei Greci 
La persecuzione dei Greci 
42 A 3 : 41 D 22 1 (+82) ; 43 C 11 47 ; 25 H 11 23 
Il dipinto raffigura in primo piano una figura femminile con copricapo giallo, vestito verde e mantello rosso seduta su uno scoglio che protegge con le braccia due fanciulli, alla destra un cane; sulla sinistra una croce. Sullo sfondo un gruppo di uomini e donne, alcuni cercano di lanciare dall'alto di una rupe dei fanciulli 
Caserta (CE) 
proprietà Stato 
la persecuzione dei Greci, La persecuzione dei Greci 
tela/ pittura a olio 
bibliografia di confronto: Martorelli L - 1991 
bibliografia di confronto: Muzii R - 1997 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here