Vicenza. Villa Valmarana ai Nani. Seconda stanza a sinistra. Episodi dell'Eneide. Monocromo (positivo) by Soprintendenza ai Monumenti (prima metà XX)

https://w3id.org/arco/resource/PhotographicHeritage/0500677013 an entity of type: MovableCulturalProperty

positivo, m
Vicenza. Villa Valmarana ai Nani. Seconda stanza a sinistra. Episodi dell'Eneide. Monocromo (positivo) di Soprintendenza ai Monumenti (prima metà XX) 
Vicenza. Villa Valmarana ai Nani. Seconda stanza a sinistra. Episodi dell'Eneide. Monocromo (positivo) by Soprintendenza ai Monumenti (prima metà XX) 
1943/00/00-1945/00/00 
positivo 
VI ST 2319 
00677013 
05 
0500677013 
Vicenza. Villa Valmarana dei Nani 
Vicenza. Villa Valmarana ai Nani. Seconda stanza a sinistra. Episodi dell'Eneide. Monocromo 
Vicenza. Villa Valmarana ai Nani. Seconda stanza a sinistra. Episodi dell'Eneide. Monocromo, Vicenza. Villa Valmarana ai Nani fu costruita dal noto giureconsulto Giovanni Bertolo verso la seconda metà dei Seicento (1665-1669). Il complesso acquistato dalla famiglia Valmarana nel 1720, venne riqualificato attorno al 1736 dall'architetto Francesco Muttoni che provvide ad aggiungere alla dimora gentilizia una scuderia, gli ingressi monumentali e la foresteria. Nel 1757 i Valmarana chiesero a Giambattista e Giandomenico Tiepolo di affrescare la villa con cicli narrativi tratti dall'Iliade, dall'Eneide, dalla Gerusalemme liberata e dall'Orlando furioso, e la foresteria con scene campestri. Nel Settecento il muro di cinta fu decorato con statue di nani, da cui il nome della villa. Il complesso, dopo i bombardamenti del 26 maggio 1944, venne privato degli affreschi, staccati e rimessi in loco a guerra conclusa, infine restaurati nel 1962. La fotografia offre, della stanza dell'Eneide, il particolare di un monoscromo con temi classici 
Verona (VR) 
0500677013 
positivo 
detenzione Stato 
gelatina ai sali d'argento/ carta 
Barbieri F./ Cevese R - 2004 
Barbieri F./ Cevese R./ Magagnato L - 1956 
Vicenza. Villa Valmarana ai Nani fu costruita dal noto giureconsulto Giovanni Bertolo verso la seconda metà dei Seicento (1665-1669). Il complesso acquistato dalla famiglia Valmarana nel 1720, venne riqualificato attorno al 1736 dall'architetto Francesco Muttoni che provvide ad aggiungere alla dimora gentilizia una scuderia, gli ingressi monumentali e la foresteria. Nel 1757 i Valmarana chiesero a Giambattista e Giandomenico Tiepolo di affrescare la villa con cicli narrativi tratti dall'Iliade, dall'Eneide, dalla Gerusalemme liberata e dall'Orlando furioso, e la foresteria con scene campestri. Nel Settecento il muro di cinta fu decorato con statue di nani, da cui il nome della villa. Il complesso, dopo i bombardamenti del 26 maggio 1944, venne privato degli affreschi, staccati e rimessi in loco a guerra conclusa, infine restaurati nel 1962. La fotografia offre, della stanza dell'Eneide, il particolare di un monoscromo con temi classici 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here