Miracolo del legno della Santa Croce - Dipinti (positivo) by Bellini, Gentile, Anderson, James, Anderson, Domenico (XIX/ XX)

https://w3id.org/arco/resource/PhotographicHeritage/0800418357 an entity of type: MovableCulturalProperty

positivo, m
Miracolo del legno della Santa Croce - Dipinti (positivo) by Bellini, Gentile, Anderson, James, Anderson, Domenico (XIX/ XX) 
Miracolo del legno della Santa Croce - Dipinti (positivo) di Bellini, Gentile, Anderson, James, Anderson, Domenico (XIX/ XX) 
post 1854-ante 1917 
positivo 
FMV 3 54 30 
00418357 
08 
0800418357 
James Anderson si trasferisce nel 1838 a Roma e nel 1853 avvia il suo primo studio fotografico. Fu considerato il maggiore fotografo di Roma già dai contemporanei. Fu fotografo editore specializzato nella riproduzione di opere d'arte. Alla sua morte nel 1877 l'attività fu proseguita brillantemente dal figlio Domenico Anderson fino al 1938. Guglielmo, Alessandro e Giorgio continueranno l'attività del padre Domenico fino al 1960, quando la Società Fratelli Alinari di Firenze acquisì il fondo fotografico Anderson costituito da circa 40.000 lastre.Una fotografia che presenta la medesima didascalia e numerazione appare nel catalogo Fotografie della Società Anonima D. Anderson, Veneto, Roma 1938, p.16.Il dipinto "Miracolo della croce caduta nel canale di S. Lorenzo", di cui la fotografia offre un dettaglio, fu realizzato da Gentile Bellini intorno al 1500 e acquisito dalla scuola di S. Giovanni Evangelista; nel 1806 la scuola fu soppressa e nel 1820 i dipinti passarono alle Gallerie dell'Accademia di Venezia. Meyer zur Capellen Jurg, Gentile Bellini, F. Steiner Verlag Wiesbaden, Stuttgart, 1985, p.135.Il Fondo Malaguzzi Valeri comincia a costituirsi per volere di Francesco Malaguzzi Valeri a pochi mesi di distanza dal suo incarico in qualità di Direttore della Pinacoteca Nazionale di Bologna. In una lettera indirizzata a Corrado Ricci datata 22 dicembre 1915, Malaguzzi Valeri scriveva: "Caro Ricci, secondo un tuo - e mio - desiderio ho iniziato con qualche fortuna la raccolta fotografica bolognese e dintorni con vedute antiche e piante dell’antica Bologna".Il 26 marzo del 1917 Malaguzzi Valeri scrive al Ministero della Pubblica Istruzione in merito ad una restituzione di 157 fotografie, giustificandola perché duplicati all’interno delle 3358 mandate dal Ministero stesso, e acquistate dal fotografo Anderson.L’8 settembre del 1918, Malaguzzi Valeri informa Ricci di aver raggiunto, grazie all’incremento del Ministero, le 5000 unità, lamentandosene per la scarsità e chiedendo un appoggio per ottenere altri esemplari. Sommando il numero di fotografie segnalate nella lettera del marzo 1917, con quelle dell’aprile dello stesso anno, si osserva come l’archivio fotografico superi le 6500 unità. Inoltre vi erano altre stampe subentrate nel fondo attraverso altri canali, ulteriori e probabili stampe di sua proprietà, e quelle donate l’anno successivo da Supino. In merito a quest’ultimo, nel novembre del 1918, Malaguzzi Valeri, nella sua costante corrispondenza con Ricci, torna a scrivere riguardo al suo archivio fotografico da poco nato: "Sto riordinando la collezione delle nostre fotografie e qualunque aumento sarà graditissimo. Supino ha dato tutte le sue dell'Università".Al 1918 si ferma la documentazione scritta sul fondo malaguzziano, ma il fondo stesso ci testimonia come negli anni successivi la morte del Malaguzzi, avvenuta nel 1928, il fondo sia stato ampliato nei decenni successivi.Il Fondo Malaguzzi Valeri è costituito da 5720 positivi, stampati per lo più con la tecnica dell'albumina e gelatina bromuro d'argento e realizzati da 118 autori diversi, dalla seconda metà dell’Ottocento alla seconda metà del Novecento. I soggetti predominanti riguardano opere di pittura di artisti europei, coprendo un periodo cronologico che va dal sec. XII al sec. XX. Il nucleo più corposo riguarda opere del Museo del Prado di Madrid con 495 stampe seguito dalla Galleria degli Uffizi con 263 stampe, la Pinacoteca di Brera (257), le Gallerie dell’Accademia di Venezia (224), il Museo Nazionale di Capodimonte (217) 
Venezia - Dettaglio - Miracolo del legno della Santa Croce - G. Bellini - R. Accademia 
Miracolo del legno della Santa Croce - Dipinti 
Miracolo del legno della Santa Croce - Dipinti, Bellini Gentile/ Miracolo del legno della Santa Croce/ Venezia/ Gallerie dell'Accademia/ Dettaglio della parte bassa a destra del dipinto che presenta due astanti di profilo 
Bologna (BO) 
0800418357 
positivo 
proprietà Stato 
albumina/ carta 
bibliografia di confronto: Meyer zur Capellen J - 1985 
bibliografia specifica: Anderson D - 1938 
Bellini Gentile/ Miracolo del legno della Santa Croce/ Venezia/ Gallerie dell'Accademia/ Dettaglio della parte bassa a destra del dipinto che presenta due astanti di profilo 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here