Firenze - Dipinti - Autoritratti (positivo) by Benwell, Mary, Anonimo (XX)

https://w3id.org/arco/resource/PhotographicHeritage/0800418394 an entity of type: MovableCulturalProperty

positivo, m
Firenze - Dipinti - Autoritratti (positivo) by Benwell, Mary, Anonimo (XX) 
Firenze - Dipinti - Autoritratti (positivo) di Benwell, Mary, Anonimo (XX) 
ca 1900-ante 1949 
La fotografia si suppone faccia parte di una serie di cinque fototipi raccolti all'interno della carpetta 65 "Benwel Maria", che probabilmente documentano il restauro dell'opera stessa 
positivo 
FMV 3 65 3 
00418394 
08 
0800418394 
Mary Benwell eseguì nel 1779 questa miniatura tempera su avorio raffigurante il suo autoritratto e ne fece dono alla Galleria degli Uffizi nell'anno successivo facendolo pervenire tramite Giovanni Fabbroni. Dalla scheda redatta da Marco Chiarini per Gli Uffizi: catalogo generale, Centro Di, Firenze, 1979 il dipinto presenta una cornice del XVIII secolo liscia dorata, ma non accenna né ad opere di restauro, né al supporto che è visibile nella fotografia.All'interno del registro inventariale del 1890 compare una notazione relativa alla miniatura aggiunta successivamente datata giugno 1949 che ci conferma la presenza del dipinto in quella data all'interno della Galleria.Il Fondo Malaguzzi Valeri comincia a costituirsi per volere di Francesco Malaguzzi Valeri a pochi mesi di distanza dal suo incarico in qualità di Direttore della Pinacoteca Nazionale di Bologna. In una lettera indirizzata a Corrado Ricci datata 22 dicembre 1915, Malaguzzi Valeri scriveva: "Caro Ricci, secondo un tuo - e mio - desiderio ho iniziato con qualche fortuna la raccolta fotografica bolognese e dintorni con vedute antiche e piante dell’antica Bologna".L’8 settembre del 1918, Malaguzzi Valeri informa Ricci di aver raggiunto, grazie all’incremento del Ministero, le 5000 unità, lamentandosene per la scarsità e chiedendo un appoggio per ottenere altri esemplari. Sommando il numero di fotografie segnalate nella lettera del marzo 1917, con quelle dell’aprile dello stesso anno, si osserva come l’archivio fotografico superi le 6500 unità. Inoltre vi erano altre stampe subentrate nel fondo attraverso altri canali, ulteriori e probabili stampe di sua proprietà, e quelle donate l’anno successivo da Igino Benvenuto Supino.Al 1918 si ferma la documentazione scritta sul fondo malaguzziano, ma il fondo stesso ci testimonia come negli anni successivi la morte del Malaguzzi, avvenuta nel 1928, il fondo sia stato ampliato nei decenni successivi.Il Fondo Malaguzzi Valeri è costituito da 5720 positivi, stampati per lo più con la tecnica dell'albumina e gelatina bromuro d'argento e realizzati da 118 autori diversi, dalla seconda metà dell’Ottocento alla seconda metà del Novecento. I soggetti predominanti riguardano opere di pittura di artisti europei, coprendo un periodo cronologico che va dal sec. XII al sec. XX. Il nucleo più corposo riguarda opere del Museo del Prado di Madrid con 495 stampe seguito dalla Galleria degli Uffizi con 263 stampe, la Pinacoteca di Brera (257), le Gallerie dell’Accademia di Venezia (224), il Museo Nazionale di Capodimonte (217) 
Maria Benwell 
Firenze - Dipinti - Autoritratti 
La fotografia si suppone faccia parte di una serie di cinque fototipi raccolti all'interno della carpetta 65 "Benwel Maria", che probabilmente documentano il restauro dell'opera stessa 
Firenze - Dipinti - Autoritratti, Maria Benwell/ Autoritratto/ Galleria degli Uffizi/ Firenze/ Miniatura raffigurante l'autoritratto di Maria Benwell dipinta tempera su avorio 
Bologna (BO) 
0800418394 
positivo 
proprietà Stato 
gelatina bromuro d'argento/ carta 
bibliografia di confronto: Chiarini M - 1979 
Maria Benwell/ Autoritratto/ Galleria degli Uffizi/ Firenze/ Miniatura raffigurante l'autoritratto di Maria Benwell dipinta tempera su avorio 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here