Scultori - Italia - Sec. XV - Sperandio da Mantova (positivo, elemento-parte componente) by Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX)

https://w3id.org/arco/resource/PhotographicHeritage/0800635803-46 an entity of type: CulturalPropertyComponent

positivo, album, elemento-parte componente
Italia - Emilia Romagna - Bologna - Chiesa del Corpus Domini - Portale (positivo, elemento-parte componente) di Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX) 
Scultori - Italia - Sec. XV - Sperandio da Mantova (positivo, elemento-parte componente) by Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX) 
Italia - Emilia Romagna - Bologna - Chiesa del Corpus Domini - Portale (positivo, elemento-parte componente) by Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX) 
Scultori - Italia - Sec. XV - Sperandio da Mantova (positivo, elemento-parte componente) di Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX) 
Scultura - Terrecotte - Ornati - Grottesche (positivo, elemento-parte componente) by Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX) 
Architettura - Chiese - Portali (positivo, elemento-parte componente) by Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX) 
Architettura - Chiese - Portali (positivo, elemento-parte componente) di Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX) 
Scultura - Terrecotte - Ornati - Grottesche (positivo, elemento-parte componente) di Fotografia dell'Emilia (ditta), Sperandio da Mantova (attribuito) (XIX-XX) 
positivo (album, elemento-parte componente) 
Stampa sciolta inserita con i quattro angoli nei tagli predisposti alla carta 14, recto (attualmente estrapolata) 
ca 1888-ante 1907 
0800635803-46 
positivo album 
00635803 
08 
0800635803 
La ripresa mostra un dettaglio delle decorazioni a candelabra sullo stipite destro (parte inferiore) del portale centrale della chiesa bolognese del Corpus Domini. La decorazione fittile a bassorilievo del portale centrale, così come dei due rosoni di facciata e della cornice superiore, è generalmente riconosciuta a Sperandio di Bartolomeo Savelli (detto Sperandio da Mantova), a partire dall’attribuzione di Adolfo Venturi, mentre altre opinioni prediligono riferire le opere a Marsilio Infrangipani. In ogni caso, l’artefice dovette condurli a termine verosimilmente poco dopo il completamento dei lavori di riedificazione della chiesa, per opera dei muratori Nicolò di Marchionne da Firenze e Francesco Fucci da Dozza, tra il 1477 e il 1480. La ripresa mostra la porzione inferiore di tre lesene, leggermente scalate a definire una lieve strombatura. Il basamento presenta due sfingi ad ali spiegate divergenti da un candeliere centrale. Nella prima relazione presentata nel 1898 dall’ingegnere Raffaele Faccioli, direttore dell'Ufficio dell’Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti dell’Emilia, per documentare la sorveglianza ai lavori svolti tra il 1892 e il 1897, si segnala che «All’esterno della Chiesa, l’Ufficio curò che dal R. Demanio venissero posti ripari in ferro davanti ai basamenti laterizi pregevolissimi, che adornano la porta principale del Tempio». L’assenza di tali elementi alla base del portale testimonia un ante quem riferibile almeno al 1897. Nel 1905 la facciata venne modificata da restauri affidati al Comitato per Bologna Storica e Artistica (Alfonso Rubbiani), sotto la sorveglianza dell'Ufficio Regionale diretto allora da Tito Azzolini. All’integrazione dei supposti originali coronamenti trilobati non si associò tuttavia un intervento diretto sulle terrecotte del portale (Zucchini 1959, p. 68). L’edificio, seriamente danneggiato dai bombardamenti del 1943, vide un successivo intervento negli anni 1957-1958. La fascetta didascalica riporta il titolo “Dettaglio della Porta della Chiesa la Santa” ed il numero di inventario 139 C. Quest'ultimo corrisponde, nel volume curato da Franco Cristofori e Giancarlo Roversi (Le Fotografie 1. Pietro Poppi e la Fotografia dell’Emilia, Bologna Compositori, 1980 – p. 229) ad un titolo leggermente differente: “Chiesa del Corpus Domini: stipite destro della porta d’ingresso”. Dal confronto con i cataloghi della Fotografia dell’Emilia si ricava che il numero di inventario 139 è presente dall’edizione a stampa del 1879, riferendosi alla “Porte magnifique de l’eglise dite de Sainte Catherine”, che coincide peraltro con la didascalia del n° 70 della precedente edizione del 1871 (titolo “Porta della Chiesa del Corpus Domini detta della Santa. S. Catterina.”). A partire dall’edizione a stampa del 1888, al contrario, al numero 139 corrispondono tre riprese differenti, contraddistinte dalle lettere A (dettaglio della parte superiore), B (dettaglio della candeliera parte inferiore) e C (dettaglio della candeliera parte superiore). L’inventario 139 C riportato sul positivo in esame pare quindi potersi riferire al catalogo 1888, forse con la presenza di un refuso (la porzione inquadrata è quella inferiore e non superiore, come riporta il catalogo), e la data di stampa può quindi circoscriversi tra lo stesso 1888 e la cessione della ditta da parte di Pietro Poppi (1907). Nel 1863 il pittore Pietro Poppi (Cento, 1833 - Bologna, 1914) aprì un negozio di cartoleria in via Mercato di Mezzo 56 in società con Adriano Lodi. Nell'edificio aveva sede anche lo studio fotografico di Roberto Peli (ex collaboratore di Emilio Anriot), il quale probabilmente avviò Poppi alla professione di fotografo. Nel 1866 Poppi e Peli si associarono aprendo uno studio in via San Mamolo 102 (la ditta Peli, Poppi & C.), che rimase attivo fino al 1867, anno in cui Poppi si mise in proprio, ritornando nella precedente sede del Mercato di Mezzo. Solo nel 1869 Poppi rilevò ufficialmente La Fotografia dell'Emilia, operando anche uno spostamento di sede da via Mercato di Mezzo 56, dove venne fondata la ditta nel 1865, a via San Mamolo 101 (oggi via d’Azeglio) in Palazzo Rodriguez (edificio in cui dal ’65 al ’69 avevano operato i coniugi Ferrara, Fotografia Milanese), ma lo stesso pittore-fotografo vi lavorò sin dal 1866. Effettivamente il 17 aprile del 1866 il quotidiano “Monitore di Bologna” menziona Poppi quale direttore dello Stabilimento Fotografico dell’Emilia di via Mercato di Mezzo 56 (si segnala la tesi di Massimo Cova che vede in Poppi il fondatore della Fotografia dell’Emilia – cfr. Fotografia e Fotografi a Bologna 1839-1900, Bologna 1992, p. 277). [PER MANCANZA DI SPAZIO SI PROSEGUE IN OSSERVAZIONI] 
Architettura - Chiese - Portali 
Italia - Emilia Romagna - Bologna - Chiesa del Corpus Domini - Portale 
Scultori - Italia - Sec. XV - Sperandio da Mantova 
Scultura - Terrecotte - Ornati - Grottesche 
31875/ 676 
Dettaglio della Porta della Chiesa la Santa 
Stampa sciolta inserita con i quattro angoli nei tagli predisposti alla carta 14, recto (attualmente estrapolata) 
Bologna (BO) 
proprietà Stato 
Italia - Emilia Romagna - Bologna - Chiesa del Corpus Domini - Portale ; Scultura - Terrecotte - Ornati - Grottesche ; Architettura - Chiese - Portali ; Scultori - Italia - Sec. XV - Sperandio da Mantova, Bologna - Chiesa del Corpus Domini - Dettaglio delle formelle in terracotta del portale 
carta  albumina 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here