Italia - Emilia Romagna - Case Beccadelli, Bovi e Tacconi (positivo, elemento-parte componente) by Anonimo (XIX)

https://w3id.org/arco/resource/PhotographicHeritage/0800635803-55 an entity of type: CulturalPropertyComponent

positivo, album, elemento-parte componente
Italia - Emilia Romagna - Case Beccadelli, Bovi e Tacconi (positivo, elemento-parte componente) by Anonimo (XIX) 
Architettura - Palazzi - Facciate - Portici - Sec. XV (positivo, elemento-parte componente) by Anonimo (XIX) 
Italia - Emilia Romagna - Case Beccadelli, Bovi e Tacconi (positivo, elemento-parte componente) di Anonimo (XIX) 
Architettura - Palazzi - Facciate - Portici - Sec. XV (positivo, elemento-parte componente) di Anonimo (XIX) 
ca 1860-ca 1890 
Stampa sciolta inserita con i quattro angoli nei tagli predisposti alla carta 16 verso 
positivo (album, elemento-parte componente) 
00635803 
08 
0800635803 
Prospetto delle case Beccadelli, Bovi e Tacconi in Piazza Santo Stefano a Bologna 
La ripresa mostra alcune antiche case che costituiscono un’intera quinta architettonica, con portico al piano terreno, aperta sul fronte meridionale di Piazza Santo Stefano. Si tratta di palazzi edificati tra XIV e XV secolo, e appartenenti alla famiglie dei Beccadelli, Tacconi e Bovi-Silvestri. La ripresa documenta la situazione precedente il restauro del 1904 occorso alla sola casa Tacconi, oltre, naturalmente a quello più tardo del 1929 di Guido Zucchini (che intervenne nuovamente anche nel 1956). La datazione del positivo è circoscritta indicativamente al periodo di massimo sviluppo della tecnica di stampa all'albume. Il fondo fotografico Faccioli è costituito da stampe sciolte o incollate su supporto, raccolte nel corso della sua attività di ingegnere-architetto da Raffaele Faccioli (Bologna, 1836-1914). Dopo la sua morte, il geometra Luigi Mattioli, amministratore dei beni degli eredi, propose a Francesco Malaguzzi Valeri, allora Direttore della Pinacoteca di Bologna, l'acquisto di questa raccolta grafica comprendente disegni, taccuini e materiale fotografico. L'acquisizione avvenne in due fasi, tra il 1917 e il 1918. Nei precisi elenchi che testimoniano la transazione si citano: "597 fotografie di diversi formati e soggetti montate su cartone, 624 fotografie di diversi formati e soggetti senza cartone, 31 fotografie su cartone di diverse misure, di soggetti architettonici, e 9 fotografie senza cartone, di diverse misure, di soggetti architettonici" (9 maggio 1917) e "576 fotografie di diversi formati e soggetti" (9 aprile 1918). Documentazione circa il fondo è reperibile presso l’Archivio Storico della Pinacoteca, pratiche n.31, foglio 43, n. 9. /// solo per le LUIGI Ricci: Ciò che resta dell'archivio del fotografo ravennate Luigi Ricci (846 negativi su lastra di vetro, prevalentemente al collodio, provenienti dall'Ospizio ravennate di Santa Teresa) è conservato presso l'Archivio fotografico della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì_Cesena, Rimini. Vedasihttp://www.soprintendenzaravenna.beniculturali.i t/index.php?it/245/archivio-fotografico //// POPPI: Nel 1863 il pittore Pietro Poppi (Cento, 1833 - Bologna, 1914) aprì un negozio di cartoleria in via Mercato di Mezzo 56 in società con Adriano Lodi. Nell'edificio aveva sede anche lo studio fotografico di Roberto Peli (ex collaboratore di Emilio Anriot), il quale probabilmente avviò Poppi alla professione di fotografo. Nel 1866 Poppi e Peli si associarono aprendo uno studio in via San Mamolo 102 (la ditta Peli, Poppi & C.), che rimase attivo fino al 1867, anno in cui Poppi si mise in proprio, ritornando nella precedente sede del Mercato di Mezzo. Solo nel 1869 Poppi rilevò ufficialmente La Fotografia dell'Emilia, operando anche uno spostamento di sede da via Mercato di Mezzo 56, dove venne fondata la ditta nel 1865, a via San Mamolo 101 (oggi via d’Azeglio) in Palazzo Rodriguez (edificio in cui dal ’65 al ’69 avevano operato i coniugi Ferrara, Fotografia Milanese), ma lo stesso pittore-fotografo vi lavorò sin dal 1866. Effettivamente il 17 aprile del 1866 il quotidiano “Monitore di Bologna” menziona Poppi quale direttore dello Stabilimento Fotografico dell’Emilia di via Mercato di Mezzo 56 (si segnala la tesi di Massimo Cova che vede in Poppi il fondatore della Fotografia dell’Emilia – cfr. Fotografia e Fotografi a Bologna 1839-1900, Bologna 1992, p. 277). Nel marzo del 1907 Poppi si ritirò, cedendo lo studio a Luigi Monari ed Armando Bacchelli; la Fotografia dell’Emilia passò in seguito, nel 1909, sotto la proprietà unica di Alfonso Zagnoli (chiusura definitiva della ditta nel 1921), il quale nel 1940 vendette quanto restava del fondo di lastre e positivi originali di Pietro Poppi alla Cassa di Risparmio di Bologna 
31875/ 685 
Architettura - Palazzi - Facciate - Portici - Sec. XV 
Italia - Emilia Romagna - Case Beccadelli, Bovi e Tacconi 
Stampa sciolta inserita con i quattro angoli nei tagli predisposti alla carta 16 verso 
Italia - Emilia Romagna - Case Beccadelli, Bovi e Tacconi ; Architettura - Palazzi - Facciate - Portici - Sec. XV, Bologna - Piazza Santo Stefano - Complesso delle case Beccadelli, Bovi e Tacconi 
Bologna (BO) 
0800635803-55 
positivo album 
proprietà Stato 
albumina  carta 
Bologna - Piazza Santo Stefano - Complesso delle case Beccadelli, Bovi e Tacconi 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here