Sicilia - Enna - Agira - Conventi - Chiostri (positivo, elemento-parte componente, scheda di supporto) by Anonimo (terzo quarto XX)

https://w3id.org/arco/resource/PhotographicHeritage/1900382236-075_05 an entity of type: CulturalPropertyComponent

positivo, album, scheda di supporto, elemento-parte componente
Sicilia - Enna - Agira - Conventi - Chiostri (positivo, elemento-parte componente, scheda di supporto) by Anonimo <1951 - 2000> (terzo quarto XX) 
Sicilia - Enna - Agira - Conventi - Chiostri (positivo, elemento-parte componente, scheda di supporto) di Anonimo <1951 - 2000> (terzo quarto XX) 
ca 1960-ca 1969 
il supporto secondario è in cartoncino grigio, lungo il bordo superiore è stampata una fascetta con le indicazioni inventariali 
positivo (album, elemento-parte componente) 
00382236 
19 
1900382236 
Enna - Agira - Chiostro - Chiesa S. Maria del Gesù 
Sicilia - Enna - Agira - Conventi - Chiostri 
il supporto secondario è in cartoncino grigio, lungo il bordo superiore è stampata una fascetta con le indicazioni inventariali 
spolveratura, condizionamento 
Conservato in armadio metallico chiuso, in locale non climatizzato 
Sicilia - Enna - Agira - Conventi - Chiostri, Agira. Chiesa di Santa Maria di Gesù. Fondata nel 1620 dai Padri Minori Riformati, vi si trova un bel chiostro con portico e colonnato e un pozzo al centro del cortile. I suoi locali furono adibiti prima ad ospedale, poi a Casa di Mendicità, gestita dalle suore della Sacra Famiglia e poi dell’Addolorata fino agli anni ‘70, da quando venne progressivamente abbandonata. I beni più pregevoli sono stati trasferiti in altre chiese, il rimanente è stato oggetto di furti e atti di vandalismo 
Enna (EN) 
1900382236-075.05 
positivo album 
proprietà Ente pubblico territoriale 
gelatina ai sali d'argento 
carta 
Agira. Chiesa di Santa Maria di Gesù. Fondata nel 1620 dai Padri Minori Riformati, vi si trova un bel chiostro con portico e colonnato e un pozzo al centro del cortile. I suoi locali furono adibiti prima ad ospedale, poi a Casa di Mendicità, gestita dalle suore della Sacra Famiglia e poi dell’Addolorata fino agli anni ‘70, da quando venne progressivamente abbandonata. I beni più pregevoli sono stati trasferiti in altre chiese, il rimanente è stato oggetto di furti e atti di vandalismo 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here